lunedì 6 ottobre 2008

oggi sono giovanissimissima e ho vent'anni

Oggi la mia console mi dice che ho 20 anni, vent'anni, non so se mi spiego.

Quindi via gli acciacchi, via le rughe, torno quasi vergine, mangio come un porco ingrassando poco, affondo la faccia nella Nutella, metto in fila gli spasimanti, me la tiro un po' con quelli che considero idioti (che brutto difetto, per altro temo non mi sia passato) o non sufficientemente fighi (questo, invece sì, mi è passato), vado a nuotare cinque volte la settimana, studio in biblioteca per finta (più che altro tacchino), frequento stancamente l'università, gioco con la mia prima belva con cui ho un rapporto d'amore, vedo beautiful (quello vero), ho un legame strettissimo con i miei ex-compagni di liceo, m'innamoro per la prima volta, sono stremata dalle nottate del weekend, non so usare un computer perché non ce l'ho, continuo ad agognare un qualsiasi videogioco, organizzo-disfo-riorganizzo eventi di gruppo, ho ancora un po' di zii, ho ancora vicino diverse persone che non immagino possano andarsene per sempre, credo che alcune situazioni rimarranno immobili per tutto il corso della mia vita, vado in america per la prima volta dove tutto mi sembrerà un telefilm, vivo emozioni fortissime ogni due per tre, dormo in un letto microscopico e lo condivido con la mia belva, ho l'uso della macchina limitato e vado come una scheggia (tanto è di mia sorella), scrivo molto il diario perché mi chiarisce le idee, progetto le vacanze al mare a gennaio con le mie amiche, vado anche a sciare per una settimana perché sciare significa stare con gli amici e con le amiche, stravolgersi di stanchezza e d'alcool e divertirsi di brutto, ho i capelli lunghi, lisci e biondi (colorati dai colpi di sole) e in discoteca ci sono persone che mentre passo vicino me li accarezzano (e poi mi chiedono scusa), sì perché vado a ballare stesso, ho cominciato a imparare a gestire i miei soldi, rubo comunque nel portafogli di mia madre che mi becca sempre, litigo meno con mia sorella perché lei si è laureata e da lì a breve andrà a studiare negli Usa con una borsa di studio, passo le vacanze di Natale a Siena da mia zia e dai miei cugini, leggo compulsivamente tutti i fumetti della saga di Asterix, non ho un telefonino e non sono mai raggiungibile (fico), i messaggini sono pezzi di carta con sù scritto il testo senza alcuna abbreviazione e con una firma in fondo, vado a sentire splendida musica dal vivo gratis grazie alla mia radio preferita, non mangio (ancora) i pomodori (e anche ora poco e a tocchettini minuscoli), della politica non me ne frega un cazzo ma ho già un'impostazione che si manterrà intatta, sono una persona felice a ondate ma non serena.

Come diceva il prof. Vecchioni Roberto: "...dammi indietro...i miei vent'anni...", ma giusto per un po'.

7 commenti:

Zino ha detto...

Ma si, solo giusto un pò, non sarebbe poi così male.

Anonimo ha detto...

io ho 27 anni e mica me li ricordo così bene i 20...

stormeyes

Zino ha detto...

Stormy,
guarda che la nostra usa una licenza poetica anche quando si ricorda dei suoi 20 anni.

shenkerla ha detto...

anch'io non mangiavo i pomodori (beh, non è che ora nefaccia fuori a chili...)

Pappina ha detto...

@stormy: io i 20 me li ricordo, perché è stato un anno denso di robe importanti che nei precedenti e successivi anni col cazzo che mi sono successe cose tanto grandi, o forse sì, ma diluite...

@zino: licenza poetica 'sto cazzo! (bada, che oggi non è giornata) ricordi veri!

@shenk: ma tu arrivavi a chiedere la pizza al pizzaiolo senza pomodoro? (adesso le fanno, quando io ero piccina, tipo 13/14 anni, no, merda)

Zino ha detto...

Non fatico a crederti.

Pappina ha detto...

@zino: ....fiuuu....