lunedì 21 aprile 2008

da copione

Questa settimana che ho più tempo non scrive (=posta) quasi nessuno, ma è normale.

Ciò che non è normale è il mio nervo ottico che è... è... introverso? Cioè parla poco? E non racconta un cazzo di sè come ex-fidanza? No. Un attimo, googulo e poi scrivo.
Trovato nulla.
Forse era introflesso? Beh, comunque devo fare l'esame del campo visivo. Che è un esame con dei puntini luminosi e tu devi schiacciare un pulsante quando ne vedi uno. Mi sembrerà di essere in un quiz televisivo, salvo poi cagarmi sotto per l'esito. Che ai miei occhi io ci tengo. Che in famiglia abbiamo poco simpatiche patologie dell'occhio. Aaaaahhhh! Mi sto agitando, cambiamo topic.

Ho visto ex-moroso e io continuo a divertirmi un sacco con lui, e lui con me.
Siccome ero sotto forte impulso ormonale, ci è scappato poco. Giusto perché avevamo un appuntamento al quale non potevamo arrivare in ritardo. Poi però mentre chiacchieravamo e scherzavamo e ridevamo come due inguaribili citrulli, previa avvertenza, gli ho infilato la lingua in bocca. [sì, la poesia per me è tutto]
Lui prima c'è stato, poi ha digrignato i denti, poi gli ho fatto una leggerissima pressione sulla mascella, e per forza si è beccato la seconda slinguazzata. E' orribile? Ma va! E' divertente! E' solo prendersi un po' per il culo, anche da soli, cioè non prendersi troppo sul serio. Io conosco lui bene, lui conosce me bene, e ci prendiamo in giro anche così.
E' bello stare con lui.
Prossima uscita prevista: a fine maggio, per un concerto. Visto che l'ho visto [chi l'ha visto?] ben 2 volte nell'arco di dieci giorni. Leggermente scostante il nostro rapporto. Però rimane straordinariamente vivo. E io sono felice.

L'avvicinarsi del mio compleanno porta a ipotesi di festeggiamenti ["ti darei gli occhi miei per vedere ciò che non vedi" mi sembra una canzone da cattivo presagio per il mio esame. Renato, "silenzi", appunto, grazie] tra le più variegate. Questo perché ho detto che non volevo festeggiamenti. Solo regali. Quindi: niente regali ma festeggiamenti a iosa.
E no!
Mi rifiuto!
Voglio marcire sotto le mie coperte, quella sera lì!
[sì sì, è la serata della poesia proprio]
Bastava proponessi 123 ipotesi mie per festeggiarmi e tutti avrebbero avuto qualcosa da fare e la cosa sarebbe morta lì. Ma io devo ancora imparare molto. E soprattutto farmi furba.

Mi sono chiesta se 5 ore e 30' di chiacchiere praticamente ininterrotte con la mia amica rossa rasentino il limite della patologia. Perché la cosa grave è che alla fine ci chiedevamo se avessimo veramente esaurito (i.e. spaccato il capello in 4 su) tutti gli argomenti.
Mmmm, secondo me no.
No, non li abbiamo trattati tutti. Manca qualcosa, accidenti.

4 commenti:

Lillo ha detto...

Ah, io questa settimana sono giustificato: è una settimana più merdosa del solito, quindi risparmio a tutti le mie menate.

Buona la tattica per la slinguata-bis con ex moroso, vedrò di applicarmi pure io (non con ex moroso, eh).

E non cerchiamo scuse: 5h e 30' di chiacchiere ininterrotte E' una patologia: la prolissaggine (ammesso che si dica).

Baci,
-L.

Pappina ha detto...

@lillo: casomai logorrea, ma no, siamo femmine, non siamo patologiche. Forse...

shenkerla ha detto...

Impossibile esaurire gli argomenti di due donne in 5 ore, sì, avevate sicuramente dimenticato qualcosa.
ciao!

Pappina ha detto...

credo anche io!!! e ho già raccolto materiale per le prossime 5 ore...